Vai al contenuto

Quali sono gli strumenti del fabbro, 5 Principali e 30 secondari

La figura professionale del fabbro, è una fra le più antiche, redditizie (in base alle realizzazioni) e creative che esista. Si occupa spesso della lavorazione dei metalli: ferro, acciaio, alluminio, rame, bronzo e ottone. Con lo scopo di realizzare inferriate, cancelli in ferro battuto, decorazioni, porte corazzate,  utensili.

Quali sono gli strumenti del fabbro

Fabbro
Quali sono gli strumenti del fabbro? Pinze, martello, incudine e forgia.

I principali strumenti usati sono:
– Fucina o forgia, dove l’artigiano riscalda il metallo per poi lavorarlo allo stato plastico.
– L’incudine, dopo aver riscaldato il metallo, verrà poi battuto su un incudine per dargli una forma.
–  Martello, usato per battere il metallo sull’incudine.
– Pinze o tenaglie, utili in caso il pezzo sia troppo piccolo per essere preso con le mani, cosi facendo si evitano ustioni.
– Forme, usate in fonderia per realizzare alcuni oggetti e presse.

Questi strumenti sono usati per realizzare diversi prodotti. Un esempio sono i chiodi, metallo riscaldato nella forgia e poi battuto sull’incudine.

Altri strumenti usati sono trapani, punte per ferro, frese, cesoie, lime, smerigliatrice, saldatrici, punzonatrici, piegatrici, pinze, pinze a due punte, stringenti, pinze a pappagallo, chiavi stringi-tubi, taglierini, cesoie, forbici, livelli, filo con piombo, sega,  mola da banco combinata, levigatrici, pistole per silicone , leve, cacciaviti, chiavi inglesi, chiavi francesi, chiavi esagonali, varia bulloneria e molle.

Un impresa fabbrile è la MetalSerramenti,  invece per l’articolo: “Il mestiere del fabbro”, clicca qui.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: